Perché la Potenza del Motore Si Misura in “Cavalli”?

Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone ha raccolto qui una serie di curiosità sul perché le macchine sono abitualmente definite in “cavalli”: cosa significa e da dove viene?

La risposta breve è: è un’unità di misura che si riferisce alla potenza prodotta da un motore meccanico … anche se si ispira ai cavalli. Da non confondere con la cilindrata, la cilindrata è sinonimo di cilindrata. Per risposte più lunghe, c’è una piccola lezione di storia da fare. Ma questo in realtà coinvolge i cavalli, quindi ne vale la pena. La storia di questi cavalli iniziò con James Watt, un ingegnere scozzese che decise di migliorare le prestazioni e l’efficienza dei motori a vapore alla fine del 1860.

Pertanto, ha creato un motore a vapore che richiede meno vapore per funzionare ed è in grado di eseguire un movimento rotatorio che può essere utilizzato per ruotare le ruote. Nel 1776 fu immessa sul mercato la nuova macchina a vapore di Watt, ma non fu facilmente accettata da quelle aziende che ancora utilizzano la potenza per generare elettricità (soprattutto i mulini utilizzati per la macinazione). Poi Watt ha indossato un cappello da marketing e ha escogitato un modo per dimostrare che il motore a vapore produce potenza e velocità maggiori rispetto ai cavalli. Ma come? Watt iniziò ad osservare i cavalli che ruotavano sull’asse centrale del mulino, che camminavano attorno a un cerchio del diametro di 7 metri, circa 144 volte all’ora. Watt stima che ogni cavallo sia spinto con una forza di 81 chilogrammi e l’unità di misura determinata è 10.000 chilogrammi al minuto per chilometro.

Per usare le parole di Lance Geiger nella serie di YouTube “The Guys of History”: Immagina un cavallo che solleva un secchio da 15 kg dal fondo di un pozzo profondo 90 m in un minuto. L’energia richiesta per sollevare quella benna è di un cavallo vapore. ” Watt ora può affermare che il suo motore può utilizzare 200 cavalli contemporaneamente e ha mostrato 200 cavalli. Con l’inizio della rivoluzione industriale, questa affermazione ha aumentato il successo del motore a vapore. Che sia accurata o meno, la potenza è diventata il termine standard per descrivere la potenza del motore e svolge un ruolo enorme nel marketing automobilistico di oggi. D’ora in poi, non potrai più smettere di pensare a questi 200 cavalli!

Antonio Gazzanti Pugliese di Cotrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.